Istituto Comprensivo Santorre di Santarosa > News > “Linguaggi a confronto”
Ultima modifica: 29 ottobre 2018

“Linguaggi a confronto”

Inaugurazione della biblioteca della scuola secondaria dell’Istituto Comprensivo Santorre di Santarosa.

Sabato 20 ottobre ha avuto luogo l’inaugurazione della nuova biblioteca interna della Scuola Secondaria dell’Istituto Comprensivo “Santorre di Santarosa”, alla presenza della dirigente dott.ssa Alessandra Massucco, del dirigente dell’Arimondi-Eula dott. Luca Martini e della direttrice della biblioteca comunale dott.ssa Maria Grazia Castiglione. Erano presenti anche docenti e alunni del Liceo e dell’Istituto Comprensivo e la presidente del Consiglio di Istituto Liliana Cimiero.

Alle 10:30 è avvenuto il taglio del nastro ed è ora possibile accedere al nuovo ambiente. Nei mesi scorsi alcuni studenti di quinta e quarta Liceo, formati dalla dott.ssa Castglione, accompagnati passo a passo dalla prof.ssa Ternavasio (responsabile del progetto di rinnovamento della biblioteca) coordinati a livello organizzativo dalla prof.ssa Casasole hanno svolto un numero significativo di ore di alternanza scuola-lavoro in questa attività, dando il loro fondamentale contributo, anche suggerendo sistemi innovativi per catalogare i libri, adeguati alle esigenze dell’utenza. I due dirigenti hanno sottolineato l’importanza di questo lavoro in sinergia tra docenti e allievi delle due scuole e della biblioteca.
La dirigente Massucco, ricordando la peculiarità dell’ Istituto Comprensivo  ad Indirizzo Musicale , ha comunicato che una sezione della biblioteca verrá dedicata a libri di soggetto musicale e spartiti destinati agli studenti del corso.

Il professor Edoardo Perosino ha donato alla biblioteca il metodo  “Esplorando” per chitarra, scritto in collaborazione con il professor Maurizio Veglio.
Per solennizzare l’evento, i docenti dell’indirizzo musicale, proff. Edoardo Perosino, Gianluca Allocco, Claudio Ariaudo e Domenica Guglielmo si sono esibiti come solisti in  una sorprendente performance musicale dimostrando che ogni linguaggio  ha un profondo valore se usato con proprietà!